top of page

ESSENZA



Trovare la essenza
ESSENZA

Esiste «Un’Essenza» che è realmente il nucleo della religione, del misticismo, della devozione, del credere, della fede; che è alla base dei credi autentici ed è il nucleo centrale della spiritualità dei veri devoti, credenti, santi e maestri. Quest’«Essenza» della genuina spiritualità, non contaminata dalle speculazioni teologiche, non corrotta dalle creazioni delle menti tossiche di alcuni praticanti chiamati religiosi, è il reale, l’autentico, ciò che veramente riempie interiormente, ciò che dà la risposta alle aspirazioni devozionali, ciò che redime e mantiene al sicuro. È la vera fede.
A quest’Essenza», la mente, i sentimenti, la teologia, possono darle il nome di Dio e chiamarla in modi diversi, come: «Il Tutto», «Il Nulla», «Il Cosmo», «Il Padre», «La Madre Divina», «L'Energia», «Il Grande Architetto», «Quello», «L’Assoluto», «Parabrahman», «Īshwara», «La Presenza Io Sono» o qualche altra denominazione; in ogni caso, è la stessa «Essenza» e risponde a colui che ne indaga, le si appassiona, a colui che ad essa si consegna.
Quest’«Essenza» è la Natura Originaria della «Totalità della Vita», conosciuta come «Dio», l'«Essere Universale»; e anche del tuo «Essere», chiamato l’«Essere Interno», il tuo «Io Sono», la «Monade». La cosa importante non sono i nomi, ma la consapevolezza che ne deriva. Fermati su questo, pensaci, riflettici, concentrati, medita, contemplalo e accettalo.
Quest’«Essenza» è percepita dal vero beato cattolico, dall’ebreo, dal musulmano, dall’indù, dal Buddhadharmista, dal seguace della cosiddetta New Age o di qualsiasi altra fede. Quest’«Essenza» è la stessa per tutti, ciò che cambia è solo la parte esterna, a seconda della diversa pratica religiosa. Siccome quest’«Essenza» è la stessa per tutti quelli che hanno un risveglio interno, è inutile, aggressivo, crudele e disumano criticare il credo che un altro pratica perché è diverso dal proprio, sempre che quella fede sia del tutto genuina.

AVVICINARSI A QUEST'ESSENZA

Quando una persona ha un avvicinamento genuino a «Quest’Essenza», in essa vi è unità e fratellanza tra tutti, saggezza, intelligenza, consapevolezza, affetto, vicinanza, bellezza, purezza, elevazione, verità, mistica, devozione, ordine, perdono e amore compassionevole. Se non c’è qualcosa di questo, non c’è percezione di «Quest’Essenza». Quando la presunta connessione con «Quest’Essenza» è falsa, non vale la pena di occuparsi della questione, nemmeno per condannarla o spiegarla; è inutile, la cosa migliore è ignorarlo o tacere, perché la preclara onestà dell’avvicinamento a «Quest’Essenza» non si può obbligare, falsare né imitare. Essa, di per sé, è onestà, cristallinità, trasparenza in tutte le questioni.
«Quest’Essenza» può essere sentita, rivelata, manifestata, avvicinata o essere come il «Santissimo Sacramento dell’Altare» o «Eucarestia», come un «Crocifisso», come un’immagine di Gesù, Maria o un Santo, per i cattolici; come la Bibbia per i cristiani o evangelici; come la Tebá o Bima dove si legge la Torah, per gli ebrei; come una figura del Signor Gautama per i praticanti del Buddhadharma; come il nome di Al-lāh o come il mihrab, il luogo verso il quale gli islamici rivolgono la preghiera; come il Shiva Lingam o il japamālā di un indù; o come l’Immagine della Presenza “Io Sono”, di un Maestro o di un Santo. «Quest’Essenza», come Essenza, è in definitiva di tutti e per tutti.

COS'È QUEST'ESSENZA E COME TROVARLA

Quest’Essenza è, di per sé, gli «Aspetti della Vita», quelli che si possono definire «Doni dello Spirito Santo», «Aspetti di Dio» o «Sette Raggi». «Quest’Essenza» è anche le Leggi o i Principi Universali o Naturali.
Quando si è depressi, senza conforto, senza fede, abbattuti, si può trovare un rifugio attraverso qualsiasi espressione di «Quest’Essenza» –un tempio, una preghiera, un mantra o un libro– e, in tal modo, contattarla ottenendo conforto, guarigione, elevazione, illuminazione, fede, salvezza, saggezza, redenzione o perdono. Requisito indispensabile è possedere una caratteristica dei santi e dei maestri di quasi tutte le religioni: non avere rapporti con l’inganno, la separazione, la mancanza di amore, la critica e molte altre cose.
Tutti possono accedere a «Quest’Essenza» e ricevere i suoi innumerevoli benefici, bisogna avere bontà e purezza interiore; altrimenti, l’agire di «Quest’Essenza» diventa difficile.

 

CONTATTO CON L’ESSENZA


Chiudi gli occhi e cerca di raggiungere e sentire Quest’«Essenza» dentro di te, sia nella tua testa –dove si annida la tua coscienza o il tuo pensare– sia nel tuo cuore, dove ti porta il sentire, senza sforzi, senza ciò che ti hanno detto o hai letto, bensì con quello che senti in modo naturale e spontaneo. Rimani lì, rifugiati lì, ora o quando ne hai bisogno; è di questo che si tratta. Non è una questione di religioni, di scuole, filosofie o credo; è una questione tra te e l’«Essenza» e in questa coscienza non ci sta nessun altro.


Frammento del libro ESSENZA di Rubén Cedeño






Comentarios


Articoli recenti
bottom of page